Monday, 17 December 2012

That's interesting!

A correspondent writes to ask about the English pronunciation of the word interesting. He says he's heard one of his Canadian friends say ɪnˈtrestɪŋ and wonders whether this stress pattern is 'correct'. 
In educated English speech the term interest always receives stress on the first syllable: ˈɪntr-. The second syllable can have any of -əst, -est- or -ɪst (this third variant is now to be considered as completely old-fashioned). Uncompressed three-syllable pronunciations are also possible but they're probably less common: ˈɪntərest, -rəst, -rɪst (in AmE also ˈɪnt̬- or ˈɪn-). Listen to these Forvo audio clips.

As far as interesting goes, we know that English -ing, just like, for example, -ly, -ful, -less, etc.,  is one of those suffixes which do not affect stress placement. So when we add -ɪŋ to ˈinterest, the stress (normally) stays on the first syllable of the first element. Same thing with -ed: ˈinterested

No dictionary I have at home acknowledges ɪnˈtrestɪŋ (or, for that matter, (ˌ)ɪntəˈrestɪŋ), but if we look in A Pronouncing Dictionary of American English by Kenyon and Knott, published by Merriam-Webster Inc. back in 1944, we find the following note:

"The former pron. ˌɪntəˈrɛstɪd, -ɪŋ, is now somewhat old-fashioned (though still heard both in America and England)…" (p.229).

On listening to Forvo we find that one English lady from Birmingham, who calls herself Abbeeh, pronounces interesting ˌɪnˈtrestɪŋ, and one American woman from New Hampshire says interested as ˌɪntəˈrestɪd

Clearly stress on the second or third syllable of interesting/interested is possible but it is only to be regarded as a regional/dialectal feature. EFL learners are well advised to use the standard pronunciation with early stress: ˈinteresting/ˈinterested.  
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Happy Christmas, everybody! Next blog: Monday 7th January 2013.


Un corrispondente mi scrive per chiedere circa la pronuncia del termine inglese interesting. Ritiene di aver sentito uno dei suoi amici canadesi dire ɪnˈtrestɪŋ e si domanda se l'accentazione sulla seconda sillaba (invece che sulla prima) sia 'corretta'.

In inglese standard, la parola interest è sempre pronunciata con l'accento sulla prima sillaba: ˈɪntr-. La seconda sillaba può avere -əst, -est- o -ɪst (quest'ultima variante è da ritenersi del tutto antiquata oggigiorno). Pronunce non compresse con tre sillabe sono possibili ma probabilmente meno comuni: ˈɪntərest, -rəst, -rɪst (in americano anche ˈɪnt̬- oppure ˈɪn-). Ascoltate queste clip(s) audio su Forvo.

Per quanto concerne interesting, sappiamo bene che in inglese la desinenza -ing, esattamente come, per esempio, -ly, -ful, -less, ecc., è uno di quei suffissi che non comporta alcuno spostamento di accento quando viene unito ad altri elementi per la formazione di parole. Per cui, aggiungendo -ɪŋ a ˈinterest abbiamo ˈinteresting. Stessa cosa con la desinenza -ed: ˈinterested.

Nessuno dei miei dizionari riporta la pronuncia ɪnˈtrestɪŋ (o (ˌ)ɪntəˈrestɪŋ), ma se guardiamo in A Pronouncing Dictionary of American English di Kenyon e Knott, pubblicato da Merriam-Webster Inc. nel lontano 1944, troviamo il seguente appunto:

"The former pron. ˌɪntəˈrɛstɪd, -ɪŋ, is now somewhat old-fashioned (though still heard both in America and England)…" (p.229)
('La pronuncia ˌɪntəˈrɛstɪd, -ɪŋ è da ritenersi oramai un po' antiquata anche se si trova ancora sia in America che in Inghilterra…').

Ascoltando le clip(s) fornite da Forvo, scopriamo che una donna inglese di Birmingham, che si fa chiamare Abbeeh, pronuncia interesting ˌɪnˈtrestɪŋ, mentre un'americana del New Hampshire pronuncia interested ˌɪntəˈrestɪd.

L'accentazione sulla seconda o terza sillaba di interesting/interested è quindi possibile ma è da ritenersi dialettale/regionale. Gli studenti d'inglese sono invitati, pertanto, ad utilizzare la variante standard con l'accento sulla prima sillaba: ˈinteresting/ˈinterested. 
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Buon Natale a tutti! Pubblicherò il prossimo post lunedì 7 gennaio 2013.

Monday, 10 December 2012

Another horror story from Italy

The book you can see to the left is called La prova a test del Concorso Insegnanti - Inglese and was published by Alpha Test last October. It is a course for trainee as well as in-service teachers in Italy who need to prepare for a national teaching test in January recently announced by the Italian Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR). In particular, this volume is aimed at teachers of EFL. (There are other books from the same publisher on French, German, and Spanish as well.)

The volume, which costs 19.90, is divided into two main parts: part 1 (chapters 1-3) is about the 'phonology', the morphology, and syntax of English; part 2 contains a series of exercises (multiple-choice questions) based on the theory of the language presented in the first three chapters.

The section devoted to English pronunciation is barely 3 pages long (pp.3-5). After a short introduction concerning the history of English and the countries where it is spoken, the editor of the book, Giuseppe Vottari, discusses the difficult relationship between graphemes and phonemes. On page 4 we find a, to my mind, entirely unnecessary chart showing the pronunciation in RP of the 26 letters of the English alphabet:

One thing we notice immediately is that the symbols given for o are completely wrong. Also, the type of transcription used is not the one we find today in the three major English pronouncing dictionaries: ODP, C(E)PD, and LPD. The system of transcription we see in the screenshot above has in fact been popular at various times in the past (see, for example, Daniel Jones' English Pronouncing Dictionary up to its 13th edition) and is based on the so-called Romanization principle, i.e. the degree to which symbols giving phonetic detail about the most frequent allophone are replaced by their nearest Roman symbols, e.g. i instead of ɪ in it. The system mostly used in dictionaries today is not based on the principle of Romanization but is of a comparative phonemic kind, as it seeks to be phonetically explicit for the purposes of comparing English with other languages. (For more on this see Gimson's Pronunciation of English, 2008, pp.97-98.)

It is curious to note that at the bottom of page 4, and on page 5, we find another chart representing what the editor rather shockingly defines as "le [sic] lettere dell'alfabeto fonetico internazionale che [sic] traducono le diverse possibili pronunce delle vocali, delle consonanti e degli incontri più ricorrenti fra esse" ('the [sic] letters of the International Phonetic Alphabet which [sic] translate all the possible pronunciations of the vowels, the consonants, and the most common consonant clusters'). This time, though, the sort of transcription used for the vowels is comparative phonemic since we find ɑː instead of , ɪ instead of i, ɛ instead of e, instead of au, etc. Furthermore, as you can see, the symbol ʊ is used instead of the correct in moon; ɜː in bird and word is written without the length mark; and the only consonant cluster that is shown (the one in blocks) is transcribed wrongly with the voiceless velar fricative x instead of (-)ks!

The introduction to the book, unfortunately, is riddled with some more grossly inaccurate statements:

"Da un punto di vista grammaticale, l'inglese è una lingua particolarmente sintetica e questo spiega la relativa facilità del suo apprendimento (…)." (p.3)
('From a strictly grammatical point of view, English is a synthetic language and this explains the relative ease with which it is learnt […].')

"Caratteristica dell'inglese è l'inesistenza di accenti che facilitino la corretta intonazione o pronuncia di una parola. Ogni lettera ha pertanto un suono diverso in base alla vocale o alla consonante contigua (…)." (p.4)
('One special characteristic of English is the absence of orthographic accents which would enable the reader to identify the correct intonation or pronunciation of words. Each letter has a different sound depending on the type of vowel or consonant close to it […]'.)

"L'intonazione che viene insegnata è la cosiddetta RP o Received Pronunciation (…)." (p.4)
('The intonation taught to students is called RP or Received Pronunciation […]'.)

Alpha Test should be ashamed of themselves for publishing such nonsense, especially because their language books are aimed at people who, one believes, will one day be our children's teachers. Unacceptable statements similar to the ones I quoted above are regrettably also to be found in the other books by the same publisher describing the features of French and German (I haven't seen the book on Spanish yet). 

Why didn't Alpha Test get a linguist to check the contents of their books? Why did the Italian Ministry of Education allow the publication of such rubbish?


Gli orrori dell'Alpha Test d'inglese

Il libro che vedete nella prima foto in alto a sinistra è intitolato La prova a test del Concorso Insegnanti - Inglese ed è stato pubblicato da Alpha Test lo scorso ottobre. Il testo, dal costo di euro 19,90, è indirizzato a tutti quegli insegnanti che dovranno sostenere il prossimo gennaio la prova preselettiva d'inglese del concorso docenti bandito il 24 settembre 2012 dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR). (Esistono simili testi di preparazione della stessa casa editrice anche per coloro che vogliono prepararsi per il test di francese, tedesco e spagnolo.)

Il volume è suddiviso essenzialmente in due parti: la PARTE PRIMA (capitoli 1-3) contiene informazioni circa la 'fonologia', la morfologia, e la sintassi dell'inglese; la PARTE SECONDA, invece, è caratterizzata da molteplici esercizi con domande a scelta multipla riguardanti la teoria della lingua.

La sezione dedicata alla pronuncia inglese consta a malapena di tre pagine (pp.3-5). Dopo una brevissima introduzione concernente la storia dell'inglese ed i paesi dove esso è oggi maggiormente parlato, Giuseppe Vottari, colui che ha curato l'opera, cita quasi en passant la difficile relazione esistente in inglese tra grafemi e fonemi, per poi presentare quella che a me risulta un'inutile tabella che elenca le 26 lettere dell'alfabeto con le rispettive pronunce in Received Pronunciation (si veda la foto sopra con la prima tabella rappresentata).

Quello che noto immediatamente è che la trascrizione fornita per la pronuncia della lettera o è del tutto errata: dovrebbe essere ovviamente əʊ (o al massimo əu) e non au! Inoltre, il tipo di trascrizione utilizzato qui non è più quello in voga oggi e che troviamo nei tre grandi dizionari di pronuncia inglese: l'Oxford Dictionary of Pronunciation (ODP), il Cambridge English Pronouncing Dictionary (CEPD), e il Longman Pronunciation Dictionary (LPD). La trascrizione fornita da Vottari è stata per lungo tempo preferita in passato (si confronti l'English Pronouncing Dictionary di Daniel Jones fino alla sua tredicesima edizione) ed è basata sul cosiddetto principio della romanizzazione, secondo cui ogni simbolo fonetico utilizzato deve avere per quanto possibile una grafia uguale o molto simile al corrispondente simbolo ortografico romano: per esempio i piuttosto che ɪ in it. Il sistema in uso oggi non è di norma basato sul principio della romanizzazione ma viene definito 'fonemico comparativo', in quanto si serve di simboli che mettono in evidenza le principali differenze fonetiche esistenti tra l'inglese e le altre lingue (si veda, per esempio, Gimson's Pronunciation of English, 2008, pp.97-98.).

È curioso notare che, in fondo a pagina 4, e a pagina 5, il testo ci proponga un'altra tabella (si confrontino le ultime due foto nell'articolo in inglese sopra) contenente quelle che Giuseppe Vottari erroneamente definisce come "le [sic] lettere dell'alfabeto fonetico internazionale che [sic] traducono le diverse possibili pronunce delle vocali, delle consonanti e degli incontri più ricorrenti fra esse". Stavolta, come si vede, il tipo di trascrizione utilizzato è fonemico comparativo, poiché troviamo ɑː invece che , ɪ al posto di i, ɛ invece che e, piuttosto che au, etc. In aggiunta, il simbolo ʊ viene usato al posto del corretto in moon; ɜː in bird e word manca del simbolo del potenziale allungamento; e l'unico nesso consonantico descritto (quello in blocks) viene trascritto col simbolo totalmente errato della velare fricativa sorda, x, piuttosto che con (-)ks!

E non è finita qui! L'introduzione contiene ulteriori affermazioni completamente inaccettabili linguisticamente/foneticamente parlando:

"Da un punto di vista grammaticale, l'inglese è una lingua particolarmente sintetica e questo spiega la relativa facilità del suo apprendimento (…)." (p.3)

"Caratteristica dell'inglese è l'inesistenza di accenti che facilitino la corretta intonazione o pronuncia di una parola. Ogni lettera ha pertanto un suono diverso in base alla vocale o alla consonante contigua (…)." (p.4)

"L'intonazione che viene insegnata è la cosiddetta RP o Received Pronunciation (…)." (p.4)

I responsabili della casa editrice Alpha Test dovrebbero vergognarsi, specialmente perché questo libro serve come preparazione per molti docenti che, un giorno, saranno gli insegnanti d'inglese dei nostri figli. (A malincuore vi confermo di aver letto simili inammissibili affermazioni anche negli altri testi riguardanti il francese e il tedesco!)

Perché l'Alpha Test non si è adoperata affinché un vero linguista controllasse i contenuti dei testi prima della loro pubblicazione? Perché il MIUR ha permesso questo scempio? Forse non avremo mai le risposte a queste domande...

Monday, 3 December 2012

The season of colds and flu

About a week ago, Cambridge Dictionaries Online published a post on their blog About Words entitled Season of colds and flu. The article, written by lexicographer Kate Woodford, is essentially aimed at teachers and students of EFL who want to improve their knowledge of English or use classroom material that is 'original'. 

One term which recurs several times throughout the article is cold. In dictionaries, this word is practically always transcribed as kəʊld for British English, with a symbol for the diphthong which makes it seem as if the o in cold is pronounced exactly the same as the vowel in go. But in fact not many students or teachers of EFL know that cold and go in today's RP have a phonetically different vowel sound. Before dark l, ɫ, most RP speakers nowadays use ɒʊ instead of əʊ. So cold is normally kɒʊɫd but go is ɡəʊ. Pronouncing kəʊɫd rather than kɒʊɫd is generally considered ɒʊld-fashioned these days.

Notice how, for example, in these video clips here and here both Prince Charles and Camilla use the traditional variant kəʊɫd for cold (Prince Charles: at 00:15 and 01:05; Camilla: at 00:05), whereas BBC weather forecaster Louise Lear here can only be heard to say kɒʊɫd at 0:36 and 1:01.  
To date, the only pronouncing dictionary which recognises the allophone ɒʊ before dark l is John Wells' LPD. Look up, for example, words like pole, poll, gold, fold, revolt, whole, hole, hold, etc., in it.

For more on this topic, see John Wells's phonetic blog here.     
La stagione dei freddi e raffreddori

Circa una settimana fa, gli autori del sito Cambridge Dictionaries Online hanno pubblicato un post sul loro blog About Words intitolato Season of colds and flu. L'articolo, scritto dalla lessicografa Kate Woodford, è essenzialmente indirizzato a studenti e insegnanti d'inglese che vogliono migliorare la propria conoscenza della lingua o utilizzare dei materiali per la classe che risultino 'originali'.

Uno dei termini che ricorre maggiormente in tutto il post è cold ('freddo', 'raffreddore'). Nei dizionari, questa parola viene praticamente sempre trascritta kəʊld per l'inglese britannico, con un simbolo per il dittongo che risulta identico a quello che troviamo in go. Tuttavia, non molti sanno che cold e go, nell'RP odierno, sono caratterizzati da due suoni vocalici foneticamente distinti. Davanti alla cosiddetta 'elle scura', ɫ, la maggior parte di coloro che possiamo ritenere di parlare lo standard britannico, hanno oggi ɒʊ invece che il tradizionale əʊ. Quindi cold sarà kɒʊɫd mentre go ɡəʊ. Pronunciare kəʊɫd piuttosto che kɒʊɫd è al giorno d'oggi considerato estremamente antiquato.

Notate come, per esempio, in queste clip(s) qui e qui, sia il Principe Carlo che Camilla utilizzino la variante kəʊɫd per cold (Principe Carlo: 00:15 e 01:05; Camilla: 00:05), mentre la meteorologa della BBC Louise Lear pronuncia unicamente kɒʊɫd in questo video a 0:36 ed a 1:01.

Attualmente, l'unico dizionario di pronuncia che riconosce l'allofono ɒʊ prima della 'elle scura' è il Longman Pronunciation Dictionary (2008) di John Wells. Controllate, per esempio, le trascrizioni fonetiche dei lemmi pole, poll, gold, fold, revolt, whole, hole, hold, ecc.   
Se volete sapere di più circa l'argomento di questo post, potete leggere questo articolo tratto dal blog di John Wells.